SEI IN > VIVERE LA SPEZIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

Bancarotta fraudolenta: sequestrati immobili, denaro e veicoli ad una coppia di imprenditori

2' di lettura
48

I militari del Comando Provinciale di La Spezia hanno eseguito un sequestro preventivo di 610.000 euro circa nei confronti di due soggetti, marito e moglie, finiti nel registro degli indagati per le ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte relativa alla gestione della società da loro costituita, attiva nel settore dell’arredamento di imbarcazioni di lusso.

Le indagini, coordinate dalla Procura di La Spezia, hanno permesso di ipotizzare, sulla base di gravi indizi di colpevolezza, il compimento di operazioni dolose da parte dei due imprenditori che hanno portato al dissesto della società da loro amministrata e posta in liquidazione alla fine del 2019.

Nello specifico, il disegno criminoso posto in essere dalla coppia avrebbe previsto l’utilizzo, secondo quanto ricostruito dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, di una prima società, costituita nel 2011, per eseguire lavori di arredo su lussuosi yatch prodotti da uno dei principali cantieri navali spezzini, omettendo sistematicamente il versamento di imposte, contributi e ritenute d’acconto per un importo complessivo di circa 480.000 euro; successivamente, la società era posta in liquidazione al fine di costituirne una seconda, nel 2019, a favore della quale venivano trasferiti dipendenti, commesse e attrezzature, restando peraltro invariata la sede legale e l’ubicazione degli uffici.

Oltre al debito nei confronti dell’erario, veniva vieppiù individuata la sottrazione di un valore di oltre 130.000 euro, ritenuto profitto del reato, relativo alle commesse già acquisite dalla vecchia società e poi cedute a quella di nuova costituzione, che effettivamente procedeva con l’esecuzione di tali lavori, incassando il relativo pagamento.

Sono questi i motivi che hanno portato l’Autorità Giudiziaria ad emettere il decreto di sequestro preventivo eseguito dalle fiamme gialle, finalizzato all’ablazione delle disponibilità presenti sui conti correnti, pari a circa 142.000 euro, oltre che di diversi immobili del valore complessivo di circa 320.000 euro, di un’autovettura di valore pari a circa 30.000 euro e di un motociclo del valore di circa 10.000 euro.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-02-2024 alle 12:27 sul giornale del 27 febbraio 2024 - 48 letture






qrcode