SEI IN > VIVERE LA SPEZIA > CRONACA
articolo

Sequestrati abitazioni di lusso, denaro e un'automobile ad un imprenditore spezzino accusato di bancarotta fraudolenta per circa 9 milioni di euro

2' di lettura
76

8.800.000 euro circa è il valore del sequestro preventivo che i finanzieri del Comando Provinciale della Spezia hanno eseguito nei confronti di un soggetto spezzino finito nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta relativa alla gestione della società, di cui era amministratore, attiva nel settore della motoristica navale.

Le indagini, coordinate dal Sostituto Procuratore dott.ssa Monica Burani, hanno permesso di ipotizzare, sulla base di gravi indizi di colpevolezza, la distrazione fraudolenta, dalle casse societarie, della somma di quasi 9 milioni di euro. Le condotte contestate al rappresentante legale della società interessata hanno riguardato l’artefatta tenuta delle scritture contabili che, più volte nel corso degli anni, sono state rivisitate per camuffare il dissesto societario, la distribuzione degli utili non effettivamente conseguiti e lo svuotamento delle casse societarie a vantaggio dei propri conti correnti, utilizzando l’escamotage della motivazione degli “acconti per consolidato fiscale” versati alla società capogruppo, il cui dominus era il medesimo soggetto indagato.

Nello specifico, gli elementi raccolti hanno permesso di evidenziare che i libri e le altre scritture contabili sono state tenute in modo tale da rendere impossibile la ricostruzione del patrimonio o del reale movimento degli affari: più volte i bilanci sono stati oggetto di imponenti rimaneggi di conto, passando da significativi utili di esercizi a perdite rilevanti. È stata inoltre individuata nel pagamento dell’I.R.E.S. la giustificazione per movimentare flussi monetari dall’azienda oggetto di indagine: la società decotta, avendo esercitato l’opzione della tassazione di gruppo, versava gli acconti I.R.E.S. alla consolidante trasferendole gli obblighi di pagamento tributari. Tuttavia, alla crescita dei debiti tributari accumulati sono corrisposte in misura proporzionale le uscite a titolo di rimborsi per “finanziamento socio” dalla capogruppo all’amministratore, contribuendo in tal modo alla distrazione del patrimonio sociale.

Sono questi i motivi che hanno portato l’Autorità Giudiziaria ad emettere il decreto di sequestro preventivo eseguito dalle fiamme gialle, finalizzato all’ablazione delle disponibilità presenti sui conti correnti e nelle cassette di sicurezza, oltre che di due immobili di pregio siti in Porto Cervo, del valore di circa 2.100.000 euro e Cortina d’Ampezzo, del valore di circa 1.500.000 euro e di un’autovettura di valore superiore a 50.000 euro, fino a concorrenza della somma distratta.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere La Spezia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viverelaspezia o Clicca QUI.




Questo è un articolo pubblicato il 13-12-2023 alle 09:54 sul giornale del 14 dicembre 2023 - 76 letture






qrcode