SEI IN > VIVERE LA SPEZIA > CRONACA
comunicato stampa

Titolari di una concessionaria di auto accusati di bancarotta fraudolenta

1' di lettura
130

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di La Spezia hanno avviato sei perquisizioni locali e personali, effettuate provincia di La Spezia e Catania ed emesse dalla Procura della Repubblica di La Spezia, per il reato di bancarotta fraudolenta nei confronti di due titolari di una concessionaria.

L’attività investigativa, che è stata supportata dall’analisi dei conti correnti attraverso gli accertamenti bancari, trae origine da una autonoma attività di servizio svolta dai finanzieri di Sarzana, nell’ambito di un monitoraggio info-investigativo e di controllo del territorio.

Con l’avvio delle indagini è stato possibile identificare una ditta individuale con sede formale nella provincia di Catania che esercitava l'attività di commercio di automobili usate, ma con sede effettiva ed unità locali nella provincia di La Spezia e il cui titolare è risultato essere un plurintestatario di veicoli (oltre 700) con numerosi precedenti penali.

Considerando che l'attività imprenditoriale aveva una considerevole quantità di compravendita di veicoli, sono stati eseguiti accertamenti bancari sui rapporti di conto corrente intestati agli indagati oltre che a persone ad essi riconducibili. Così, è stata accertata la grave situazione debitoria della ditta nei confronti del Fisco che ha fornito un riscontro tale da ritenersi del tutto insanabile.

I debiti accertati, assieme alla sentenza da parte del Tribunale di La Spezia in cui disponeva la liquidazione giudiziale dell’imprenditore individuale, ha permesso di dichiarare l'accusa di reato in materia di bancarotta fraudolenta nei confronti dei due titolari.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere La Spezia .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @viverelaspezia o Clicca QUI.




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-07-2023 alle 12:20 sul giornale del 29 luglio 2023 - 130 letture






qrcode